COME RENDERE LA TUA STORIA AVVINCENTE COME UN FILM?

Aggiornato il: mar 30

Tanti di noi oltre alla letteratura amano i film. Ci coinvolgono, ci intrigano, ci lasciano con il fiato sospeso. Ebbene, se vuoi sapere come rendere la tua storia avvincente come un film sei nel posto giusto. Gli editor di the different HOUSE cercheranno di aiutarti e fornirti i suggerimenti più opportuni.


Rendere una storia avvincente

I romanzi e le sceneggiature, pur avendo nature differenti e sviluppi a volte completamente dissimili, hanno alcune caratteristiche in comune. Di seguito voglio proporti alcuni trucchi da sperimentare nel momento in cui ti approcci a scrivere la tua storia per renderla più espressiva e reale.


Leggi anche: Dieci regole per scrivere una sinossi

Gli antecedenti. Hai in mente una storia ma non sai come iniziare. Come fare? La prima scena di una sceneggiatura è spesso è la più difficile, tanto quanto l’incipit di un romanzo. C’è un trucco che spesso viene utilizzato dagli sceneggiatori, ed è quello di ricostruire gli antecedenti. Significa sapere che cosa è accaduto prima di quello che stai per raccontare.


In che momento inizia la nostra storia? L’evento scatenante entra nella vita del nostro protagonista interrompendo qualcosa. Che cosa interrompe? Che cosa stava facendo prima di “entrare in scena”? Conoscere gli antecedenti significa conoscere a fondo i personaggi e permette ai lettori di entrare nell'azione fin dalla prima pagina. Che cosa è successo prima dell’inizio della storia che stai costruendo e fino al momento prima? Prova a scriverlo in una cartella.


Le azioni. “I grandi narratori non spiegano mai. Fanno invece una cosa difficile e dolorosamente creativa: mettono in scena”, così scrive Robert McKee. In una sceneggiatura i personaggi sono rivelati attraverso le azioni che compiono. Azioni che li mettono in relazione tra loro e con l’ambiente circostante.


Ogni azione è frutto di scelte e le scelte che ogni personaggio fa non fanno altro che mettere in scena le loro idee, il loro essere. Nella normalità le loro azioni saranno misurate e consapevoli, ma sarà nel momento in cui il narratore li porrà sotto stress che allora uscirà la loro vera natura. E tu, in cosa vuoi mettere alla prova il tuo protagonista?


Leggi anche: La voce narrante di un romanzo

I dialoghi. Una sceneggiatura è una storia raccontata per immagini, fatta di dialoghi, molti, e di descrizioni, limitate. La presenza dei dialoghi, quindi, diventa essenziale. A cosa servono i dialoghi? La loro funzione non si limita alla comunicazione tra i personaggi: i dialoghi portano avanti la storia, comunicano fatti e informazioni al lettore, rivelano i personaggi, definiscono i rapporti tra gli interlocutori, possono diventare un commento alle azioni messe in atto dei personaggi e infine possono essere utili, in alcuni casi, per collegare tra loro le scene.


Prova ad analizzare alcuni dialoghi che hai scritto, che funzione hanno all'interno della tua storia?


Il viaggio dell'Eroe è alla base di moltissime storie
Quale relazione esiste tra la sceneggiatura di un film e la scrittura di un romanzo?

Gli elementi di base. Una sceneggiatura è, generalmente, composta da tre atti, il primo è definito impostazione, ovvero la presentazione della storia che si conclude con il primo colpo di scena che avvia la vicenda, il secondo atto è il confronto, la parte centrale della storia, che può essere anche molto articolato, comprende la maggior parte della durata di tutta la vicenda e si conclude con il secondo colpo di scena e il terzo atto è la risoluzione e quindi la conclusione della storia.


Questo schema di base è apparentemente semplice e lineare e può fare da schema di base di qualsiasi narrazione. Quali sono gli elementi di base della tua struttura drammatica per cominciare a scrivere la tua storia all'interno di uno schema come questo? La fine, l’inizio, il primo colpo di scena e il secondo colpo di scena. Prova a scriverli brevemente in questo ordine, sì, partendo dalla fine e poi decidendo il punto iniziale e definendo poi i due colpi di scena.


Scopri chi siamo


I personaggi. Abbiamo già parlato in un precedente articolo di come rendere un personaggio credibile, ma come renderlo davvero un tipo? Inserire un “tipo” all'interno della propria storia significa creare un personaggio nel quale altre persone si identificano o si vorrebbero identificare, che può rappresentare un momento o addirittura un’epoca.


Un buon personaggio può diventare reale, sia nello schermo, sia tra le pagine di un libro, ma per far sì che questo accada non dobbiamo accontentarci di descriverlo, di conoscere quello che fa, di sapere i suoi gusti, dobbiamo conoscere tutto di lui, sapere nel dettaglio come vive.


Come fare? Prova a scrivere una giornata tipica del tuo protagonista, attraversando ogni momento, azione, emozione, punto di vista, atteggiamento. Ogni decisione che prenderai su di lui sarà materiale prezioso. Non è detto che riporterai nella tua storia tutti ciò che hai raccolto negli appunti con tanta fatica, anzi, ma in questo modo avrai già pronte alcune risposte nel momento in cui il tuo personaggio si troverà ad affrontare nuove situazioni.


Vuoi saperne di più? Ti consiglio la lettura di “La sceneggiatura. Il film sulla carta”, di Syd Field, Lupetti editore.


Questo articolo è stato scritto da Lucia Zago, editor di the different HOUSE. Ricordati che puoi sempre contattare the different House quando hai un piccolo dubbio stilistico e ti occorre un suggerimento. Ti aiuteremo gratis.


Non perderti nulla e se ti è piaciuto seguici su Facebook, Instagram o Tik Tok e visita la nostra pagina web



111 visualizzazioni0 commenti